Sezioni
Tornei in Arrivo
Camp. Sociale
Tornei a Squadre
Cerca nel Sito



Attività in Sede

Chi siamo...
Esercitati con noi

Partite

Le Rubriche








Warning: preg_match() [function.preg-match]: No ending delimiter '/' found in /membri/treviglioscacchi/includes/counter.php on line 35

Warning: preg_match() [function.preg-match]: Unknown modifier '2' in /membri/treviglioscacchi/includes/counter.php on line 47
02.10.08 - E' ufficiale: sono terza nazionale!
Il primo traguardo è raggiunto



Eccovi il diario di bordo dell'avventura scacchistica più eccitante di sempre: come partire da un Elo pari a 0 per raggiungere alfine (non importa quando) quota 2000. Riuscirà il nostro eroe a coronare quest'impresa dal sapore donchisciottesco? Rimanete aggrappati con tutte le vostre forze a questa rubrica e lo scoprirete. [SML]


di GUIDO TEDOLDI

Adesso è ufficiale: sono 3ª categoria nazionale scacchistica.
Ho aspettato a dirlo fino a oggi perché le liste dei punteggi vengono aggiornate dalla Federazione ogni 3 mesi, e il risultato ufficiale degli ultimi tornei è stato pubblicato sui siti web soltanto ieri, 1 ottobre.
Comunque il mio calcolo era giusto: ho ottenuto la promozione alla 3ª categoria nazionale con un punteggio Elo Italia di 1536, e nei tornei di Crema del 5-7 settembre e di Bergamo del 12-14 settembre ho ottenuto due tranche per il punteggio Fide, la prima con una proiezione di punteggio di 1690 e la seconda di 1835.
Adesso mi prendo una pausa dagli scacchi giocati, perché nei prossimi mesi avrò un bel po' di lavoro da fare. Probabilmente le prossime partite ufficiali saranno nel campionato italiano a squadre tra febbraio e marzo, e più in là nel 2009 prevedo di partecipare a 4-5 tornei scaglionati nell'anno.
Da quello che ho sentito a Bergamo, infatti, l'open internazionale dovrebbe tornare alla sua collocazione consueta di luglio che quest'anno è stata impossibile a causa di un veto posto dagli organizzatori delle qualificazioni del campionato italiano individuale, per cui l'anno prossimo il mio ciclo estivo/autunnale potrebbe essere: luglio Bergamo, agosto Bratto, settembre Crema – in tre mesi, quindi, al posto del tour de force di quest'anno in cui in 24 giorni ho giocato 20 partite a tempo lungo.
I buoni risultati ottenuti mi fanno pensare che il metodo di preparazione che sto seguendo abbia una sua efficacia.
In sintesi, gioco al Circolo di Treviglio le partite dei tornei Bee e gioco su Yahoo, il più possibile a tempo lungo impostando l'opzione a 10 minuti per mossa, che è un compromesso tra la possibilità di pensare bene le mosse e il subire il boicottaggio di chi magari sta perdendo e se ne va senza avvertire, lasciando in sospeso una partita che magari si era impostata sulle 2 ore.
Alle partite giocate alterno lo studio al computer di partite della carriera di José Rául Capablanca, campione del mondo negli anni ’20. Il file completo delle partite della sua carriera l'ho trovato su internet, liberamente scaricabile da un sito legato all'università di Pittsburgh insieme a tonnellate di altri materiali di studio (software, studi d'aperture, analisi, carriere di moltissimi grandi giocatori del passato e del presente... una vera manna).
All'inizio di questo training avevo studiato le partite di Mikhail Tal, campione del mondo nel 1960, ma ho presto capitolato. Tal è al di là del mio potere di comprensione. Poteva giocare qualsiasi posizione trovando le magate vincenti, dominava anche quando era sotto di 2 o 3 pezzi, sacrificava a raffica.
Capablanca è molto più logico, probabilmente anche più adatto per un percorso didattico. A lui bastava prendersi un piccolo disequilibrio nel mediogioco da portare fino al finale e farlo diventare un vantaggio incolmabile. E di fatto, osservando il mio gioco, mi sa che sta diventando un po' così. Sia a Crema sia a Bergamo ho vinto dei finali in cui ero entrato con piccoli vantaggi.
Lo «studio al computer» cui accennavo prima passa attraverso l'uso di Fritz, il software della Chessbase che è diventato lo stato dell'arte per gli scacchisti «normali» dopo che la Gazzetta dello Sport ne ha venduto i dvd a 5 euro. Nell'ultima versione, la 11, e girando su computer ottimizzati, è accreditato di un Elo di 2977, molto più forte di quanto un umano abbia mai potuto essere (il record umano è stato di Kasparov con 2851) – ma anche versioni inferiori che girano su computer casalinghi sono comunque belle forti.
Il mio metodo consiste nell'impostare Fritz sull'opzione «analisi infinita» e rigiocare le partite di Capablanca. Sulle posizioni complicate mi ci applico io, come se stessi giocando la partita in quel momento, e si applica Fritz, che mi indica varianti a raffica (e sempre più profonde concedendogli tempo), e poi ho il riscontro della partita originale, di cui cerco di capire i ragionamenti che facevano Capablanca e i suoi avversari.
Un paio d'ore così, per un paio di volte alla settimana, più le partite con avversari umani... e l'Operazione Tedoldi che mi porterà ai 2000 punti Elo si potrà concludere con successo, mi pare.


Caravaggio, 02.10.2008








Guido Tedoldi

Copyright © by treviglioscacchi.com All Right Reserved.

Pubblicato il: 2009-10-28 (496 letture)

[ Indietro ]
Elo